itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Carnevale Sanfratellano - San Fratello

  Il paese di San Fratello festeggia il Carnevale con la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati, coinvolgendo grandi e piccini. Nonostante negli anni abbia subito numerosi cambiamenti, le origini del Carnevale di San Fratello si perdono lontano nel tempo.
Agli inizi del secolo scorso, il demologo e farmacista sanfratellano Benedetto Rubino, profondo conoscitore della storia locale, nel suo libro “Folklore di San Fratello”, alla festa più allegra e divertente dell’anno del piccolo paese nebroideo, dedica un capitolo, soffermandosi sui versi satirici che i poeti cantori erano soliti recitare in pubblico durante i giorni di festa, come pure sulla descrizione di alcune maschere tipiche.
Nei giorni di Carnevale infatti a San Fratello si svolgeva una festa particolare dove poeti cantori eseguivano versi composti per l’occasione, anche a più voci, con accompagnamento strumentale, che si differenziavano di anno in anno, poiché trattavano temi attuali di cronaca paesana e nei quali, ad essere presi di mira, erano governo, municipi, vescovi e prelati.
I poeti recitavano i loro versi (partí dí Carnalívari) davanti a curiosi personaggi in maschera, quali mestieranti o villani, vestiti in maniera buffa e con il viso dipinto con strisce nere e vermiglie, o i monaci, ossia omaccioni barbuti, che recavano in mano strani libri di devozione e in collo bisacce piene di arance ed ortaggi. Altra figura presente nel Carnevale di San Fratello era quella dello Scalíttaru, che ricorre anche nelle cronache carnevalesche descritte da Giuseppe Pitrè, che il Rubino ebbe modo di conoscere durante i suoi studi a Palermo. Lo Scalíttaru era un giovane ben vestito che, accompagnandosi ad altri ragazzi eleganti, andava in giro per il paese portando canestri colmi di arance e di limoni dolci, o borsette da viaggio piene di confetti da regalare alle belle fanciulle del luogo, che si trovavano affacciate alle finestre di casa propria. Viene denominato così dal momento che, da vero innamorato e in vena di galanterie, con una scaletta retrattile, si allungava sui balconi per raggiungere le ragazze e porgere loro il singolare dono. Nel Carnevale del piccolo borgo di San Fratello non poteva mancare la figura del Nannu, messo a rogo il martedì grasso, dopo la solenne lettura di un testamento, redatto con tanto di notaio.
Da qualche anno enti, associazioni e gruppi di volontari  organizzano il Carnevale Sanfratellano che quest’anno con la sua vitalità ed allegria scenderà in strada dal 18 al 28 febbraio. Nei giorni di sabato, domenica e del martedì grasso, si potrà assistere alle sfilate dei carri allegorici e dei gruppi in maschera, raffiguranti i personaggi della Walt Disney, che faranno sosta nelle piazze principali del paese.

A breve pubblicheremo il programma 2018 del Carnevale di San Fratello.

© Riproduzione riservata

 

 

  • Letto 1213 volte
  • Informazioni aggiuntive

    • Da: Sabato, 18 Febbraio 2017
    • A: Martedì, 28 Febbraio 2017
    • Dove: Centro storico - San Fratello (ME)
    From:

    Visita la Sicilia

    Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

    Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

    We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…