itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Festa di San Sebastiano - Acireale

  Quella di San Sebastiano è la festa più attesa dalla comunità di Acireale e vede il coinvolgimento di tutta la città. Il Santo Martire infatti è il compatrono della cittadina etnea e le celebrazioni in suo onore cominciano già il 1° gennaio con il suono delle campane a festa e lo sparo dei fuochi d’artificio.
Il culto di San Sebastiano risale al Quattrocento. Nel 1466 una terribile peste colpì Acireale e i paesi etnei e il popolo così rivolse le proprie preghiere al Santo per auspicarne la guarigione. San Sebastiano all’epoca veniva invocato come protettore contro questa epidemia poiché era riuscito a sopravvivere al martirio delle frecce, le cui ferite erano paragonate ai bubboni della peste.
Il gruppo statuario di San Sebastiano si compone dall’angelo che regge la corona, dalla statua del Santo e dai due angeli che reggono due bracci reliquiari. La pregevole statua lignea di San Sebastiano qualche anno fa è stata sottoposta ad un accurato restauro che l’ha riportata al suo antico splendore. Di recente sono stati restaurati anche i bracci reliquiari, due bellissime opere di argenteria messinese, portate nell’attuale Cattedrale il 19 gennaio del 1652.
La Festa di San Sebastiano di Acireale si svolge il 20 gennaio, ma le celebrazioni durano tutto il mese, includendo diversi momenti religiosi, tra cui il triduo, la vigilia, l’apertura della cappella, l’uscita dalla basilica, le varie tappe della processione, il rientro in chiesa e l’ottava, tutti vissuti con grande partecipazione dai fedeli.
Le celebrazioni per San Sebastiano ad Acirelae si svolgono con particolare solennità e i devoti, desiderosi di riabbracciare dopo un anno il Santo protettore, affollano la Basilica dalle prime ore del mattino per assistere alla “svelata”. Alle undici in punto, nell’affollata piazza antistante la Basilica, dopo una spettacolare uscita, fa la sua comparsa il simulacro del Santo sull’artistico fercolo del ‘700, tra il suono delle campane a festa e i fuochi d’artificio. Comincia così la lunga processione al grido di “cu tuttu 'u cori: viva Sammastianu!” che porterà l’artistica vara in giro per la città per concludersi solo a tarda notte, quando i devoti con una vertiginosa corsa rientrano il Santo nella Basilica.

A breve pubblicheremo il programma 2018 della Festa di San Sebastiano di Acireale.

© Riproduzione riservata

 

  • Letto 1441 volte
  • Informazioni aggiuntive

    • Da: Venerdì, 19 Gennaio 2018
    • A: Sabato, 20 Gennaio 2018
    • Dove: Basilica di S. Sebastiano - Acireale (CT)
    From:

    Visita la Sicilia

    Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

    Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

    We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…