itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Festa del SS. Crocifisso - Ciminna

  A Ciminna, in provincia di Palermo, il 1° maggio si celebra il Santissimo Crocifisso con una festa molto antica, le cui origini risalgono al Seicento. La festa del Santissimo Crocifisso di Ciminna si svolse infatti per la prima volta il primo giorno di maggio del 1651 ed ancora oggi rappresenta la festa più importante della comunità ciminnese. L’evento si caratterizzava per la magnificenza con la quale veniva addobbata la chiesa che per l’occasione accoglieva la rappresentanza municipale oltre ai tantissimi fedeli. Vi prendeva parte anche un’orchestra, formata da numerosi musicisti, provenienti  dal capoluogo siciliano e da altre città, e da una schiera di cantori, e per far predicare l’ottavario si usava chiamare un importante oratore. Al 1853 risale invece il decreto reale con il quale venne istituita per la festa del SS. Crocifisso di Ciminna la fiera d'animali da tenersi nei giorni 30 aprile e 1 maggio di ogni anno. Le strade del piccolo borgo si illuminavano a festa e si animavano con le musiche della banda musicale, il suono dei tamburi e del piffero e il rimbombo dei mortaretti.

La Festa del Santissimo Crocifisso di Ciminna

 Uno dei momenti più attesi della Festa del Santissimo Crocifisso di Ciminna era la processione delle Torce, quando cavalli bardati a festa, con in sella i loro padroni che recavano in mano dei grossi ceri adorni con nastri variopinti e fiori, sfilavano per le vie del piccolo centro assieme ad alcuni animali che trasportavano il frumento dato in elemosina alla chiesa e alla banda musicale, i cui componenti un tempo usavano sfilare a cavallo. Nell’antichità alla processione della festa del Santissimo Crocifisso di Ciminna prendevano parte alcuni ceti sociali della città, tra cui quello dei contadini, che si recavano presso il SS. Crocifisso portando in dono capretti, agnelli, galline, denaro, caci e quant’altro.
Molto più solenne era la processione della sacra immagine che, posta una bellissima vara, veniva portata per le vie del paese da ben ottanta devoti scalzi e con indosso camicia e mutande bianche ed una fascia rossa come cintura. Ad aprire la processione vi era il gonfalone con quattro tamburi, seguito da due file di fedeli, tra cui alcuni a piedi scalzi, con in mano grossi ceri accesi, dai membri delle confraternite recanti le loro statue e dal clero. L’immagine sacra era invece seguita dalla rappresentanza municipale e dalla banda musicale. Lungo il percorso si soleva far sostare l’immagine sacra in alcuni luoghi, nei quali veniva eseguito un inno di voci a coro, accompagnato dall’orchestra, chiamato volgarmente “frottola”.
Il giro delle torce della Festa del Santissimo Crocifisso di Ciminna oggi è stato trasformato in una manifestazione folkloristica che prende il nome di “furriata ri’ torci” e si svolge in piazza San Giovanni dove due gruppi di sette muli ciascuno, detti rètine, eseguono la furriata, ossia dei giri sincronizzati, tra il lancio di dolcetti, la musica della banda musicale, il suono delle campane e le acclamazioni dei fedeli.

© Riproduzione riservata

A breve pubblicheremo il programma 2018 della Festa del Santissimo Crocifisso di Ciminna

  • Letto 2491 volte
  • Informazioni aggiuntive

    • Da: Martedì, 01 Maggio 2018
    • A: Martedì, 01 Maggio 2018
    • Dove: Chiesa S. Giovanni Battista - Ciminna (PA)
    From:

    Visita la Sicilia

    Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

    Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

    Utilizziamo Cookie solo per migliorare l'esperienza di navigazione sul sito. More details…