itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Castello della Pietra D'Amico - Alessandria della Rocca

Castello della Pietra D'Amico - Alessandria della Rocca Resti del castello della Pietra D'Amico

  Il Castello della Pietra d’Amico sorge nel territorio di Alessandria della Rocca, sulle sponde del lago Castello, nei pressi di una diga. Fu edificato in cima ad un masso di pietra calcarea ed oggi della costruzione rimangono pochi ruderi.

Il Castello di Alessandria della Rocca

 Quasi certamente già in epoca bizantina in loco esisteva un castello, sorto per difendere il territorio dalle incursioni saracene, come testimoniano i ritrovamenti nella zona di vari utensili, cocci e vasellami dell’epoca. I reperti furono portati alla luce negli anni Ottanta, durante i lavori di costruzione della diga e testimoniano la presenza di un insediamento che con molta probabilità veniva difeso proprio dal castello. Tuttavia, analizzando i pochi resti rimasti, gli studiosi collocarono la costruzione tra le fortezze sorte nel tardo Medioevo. A onor del vero già nel 1355 il castrum Petre amicj risulta annoverato fra i castelli feudali. La presenza del Castello della Pietra D'Amico sta in ogni caso a dimostrare l'importanza che all’epoca  dovette avere questa roccaforte civile e militare per il territorio alessandrino e, in seguito, per tutti i paesi vicini.

Storia del Castello della Pietra D'amico

 Del Castello della Pietra d’Amico fu Signore Pietro D'Amico, che dette il nome alla costruzione. Nel 1398 il feudo e il castello divennero di proprietà di Bartolomeo figlio di Vinciguerra, della nobile famiglia d’Aragona, che nell’isola possedette un gran numero di feudi e baronie. Nel 1369 ereditò infatti anche la contea di Cammarata, a cui furono aggiunti in seguito altri feudi tra cui le terre di Ficarra, Galati, Calatabiano e Noto. All’epoca il Castello della Pietra d’Amico di Alessandria della Rocca comprendeva una torre quadrangolare ed alcuni ambienti rupestri.
Il toponimo Pietra d’Amico sembra invece che si riferisse ad un antico casale. Sotto la dominazione araba infatti sorsero nel territorio diversi villaggi, che in epoca normanna divennero casali. Dopo la conquista normanna i feudi  compresi nel  territorio  di  Alessandria  furono  concessi a Lucia, prima signora della terra di Camerata, la quale era unita in parentela con il Conte Ruggero.
Nel XVI secolo il Castello della Pietra d’Amico passò in mano a Don Carlo Blasco Barresi a cui nel 1570 si deve la fondazione di Alessandra della Rocca, che in principio prese il nome di Alessandria della Pietra, proprio per la sua vicinanza alla Pietra o Rocca d’Amico.

© Riproduzione riservata

Informazioni aggiuntive

  • Epoca: XIV secolo
  • Ubicazione: C.da Castello
  • Condizioni: Pochi ruderi
From:

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

Utilizziamo Cookie solo per migliorare l'esperienza di navigazione sul sito. More details…