itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Castello di Isnello - Isnello

Castello di Isnello - Isnello Ruderi del castello di Isnello

  Il Castello di Isnello venne eretto nell’VIII secolo dai Bizantini come punto di sentinella in cima ad un costone calcareo. Da lassù era posto al controllo del borgo rurale che si andava formando attorno ad esso ed era in comunicazione visiva con i castelli di Castelbuono e di Bonvicino. Si trattava di una vera e propria cittadella difensiva, con feritoie, camminamenti, torri e bastioni, di cui oggi non rimane traccia.

Il Castello di Isnello: Storia e Architettura

 La prima citazione storica del castello risale al 1250, prima di allora Isnello veniva menzionato come semplice casale. Il geografo arabo Idrisi descrive Isnello come “casale sulla vetta di un monte”. Il castello di Isnello sotto i Normanni entrò a far parte del sistema difensivo facente capo al regio Demanio, con funzione di sorveglianza e difesa del territorio. Al suo interno si accampavano le truppe della Corte Reale che si trovavano a transitare nel territorio. Nel 1377 feudo e castello di Isnello risultano essere di proprietà dei Ventimiglia e successivamente, per concessione da parte del re Martino, pervennero al catalano Arnaldo Santacolomba, che fu capitano generale di Bianca di Navarra e divenne signore d’Isnello. Nel luglio del 1453 Arnaldo Santacolomba ottiene da Alfonso il Magnanimo il "mero e misto imperio". Una data storica da ricordare per il paese è il 1778, anno in cui Isnello raggiunse la libertà “da ogni diritto di signoria e di vassallaggio pria ancora che la feudalità fosse stata abolita in Sicilia”, come scrisse lo storico Cristoforo Grisanti nel 1909. I magistrati del Comune infatti consegnarono al signore di quel tempo il capitale rispondente al suo annuo reddito.
La cittadella fortificata è stata rifondata nella prima metà del XII secolo e risulta abbandonata dal XVI secolo in poi. Oggi dell’antica costruzione rimangono solo pochi elementi costruttivi, ma un tempo il castello di Isnello sorgeva nel punto più alto dell’acropoli, era cinto da una doppia cortina muraria e comprendeva un mastio con tre o quattro vani, cisterne idriche e vari ambienti, tra cui alcuni destinati allo stivaggio delle derrate alimentari. Nella zona a valle sorgevano stalle, dormitori e laboratori.

© Riproduzione riservata


Informazioni aggiuntive

  • Epoca: XII secolo
  • Proprietà: Privata
  • Condizioni: Ruderi
From:

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…