itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Castello Grifeo - Partanna

Castello Grifeo - Partanna Castello Grifeo

  Il Castello Grifeo di Partanna è uno dei meglio conservati del trapanese. Le prime fonti storiche che lo riguardano risalgono ad un documento del 1355 in cui si fa riferimento ad “castrum Partannae cum habitatione”. Ed in effetti Giovanni II Grifeo già nel 1137 fu investito dal re Ruggero II della baronia di Partanna, per i tanti servigi prestati alla Real Casa Normanna. Tuttavia gli studiosi fanno risalire il primo impianto del castello al XIV secolo.
La storia del Castello Grifeo di Partanna è legata a quella della famiglia Grifeo che lo detenne per cinque lunghi secoli. Nel 1890 passò in mano agli Adragna di Trapani e, nonostante nel tempo abbia subito diversi ampliamenti e trasformazioni, è riuscito a mantenere il suo solenne aspetto di un’antica costruzione merlata.
Dopo aver oltrepassato un bel portale a bugne di fattura tardo-manieristico, si accede ad una corte centrale, attorno alla quale si dispongono tre corpi edilizi con i vari ambienti. Il portale fu commissionato nel 1658 dal principe Domenico Grifeo e doveva rappresentare il fondale naturale per il nascente corso principale di Partanna che dal castello si inoltrava nel centro abitato, spingendosi fino alla Chiesa della Madonna delle Grazie. All’epoca risalgono anche i lavori di trasformazione della fortezza, che assunse la configurazione di una piccola regia con un bel giardino con vista sul mare. In questo grande spazio verde vi sono gli ingressi che portano alle cantine, dove sono custodite pregiate botti in noce di Slovenia, e alle scuderie. Quest’ultime si dipanano in cunicoli sotterranei, che si presume collegassero il castello ad altri edifici dell’epoca.
Sulla porta che immette nel salone centrale, troneggia ancora oggi lo stemma dei Grifeo realizzato da Francesco Laurana che in questo luogo soggiornò nel 1468, impreziosendo la dimora con le sue splendide sculture. Si narra che per il giardino scolpì ben tredici sculture, di cui una raffigurante il capostipite Giovanni Grifeo.
Il salone di rappresentanza del Castello Grifeo di Partanna è impreziosito da un affresco che raffigura il Gran Conte Ruggero su un cavallo bianco e Giovanni Grifeo alle sue spalle mentre imbraccia uno scudo. E’ questa la splendida Sala del Trono o Sala delle Armi che ospita una Pinacoteca, composta da numerose opere d’arte tra cui la pala del pittore fiammimgo Simone De Vobreck, raffigurante la Madonna del Rosario tra i Santi Domenico e Caterina, commissionata nel Cinquecento da Eleonora Graffeo e Blasco Sala. In una delle pareti della sala compare anche un piccolo sportello che si apre sulla cosiddetta «cella della monaca», presunto luogo di clausura di una religiosa della famiglia Grifeo.
Il Castello Grifeo di Partanna ospita il Museo regionale di preistoria del Belice con i reperti archeologici dell’età del Bronzo provenienti dalle necropoli del territorio belicino.

© Riproduzione riservata

Informazioni aggiuntive

  • Epoca: XIV secolo
  • Ubicazione: Piazza Benvenuto Graffeo
  • Proprietà: Regione Sicilia
  • Condizioni: Ottime
  • Informazioni: Tel. (+39) 0924 923970
  • Visite:

    Visite: dal martedì alla domenica 9,00-13.00 e 16,00 - 18.00.
    Costo biglietti: intero 4€, ridotto 2€, residenti provincia di Trapani 1€, aggiuntivo biglietti per visita zona archeologica 1€.
    Ingresso gratuito: insegnanti e persone con età inferiore ai 18 e superiore ai 65 anni.

    Il castello ospita il Museo Civico della Preistoria del Basso Belice

From:

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…