itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Castello Normanno Svevo – Salemi

Castello Normanno Svevo – Salemi Il castello normanno-svevo di Salemi

 Il Castello di Salemi fu edificato immediatamente dopo la conquista della Sicilia da parte dei Normanni (1061-1091) che per la sua costruzione si avvalsero di manovalanza araba (tra il 1070 e il 1130). Per la datazione del monumento a tale periodo, ricopre molta importanza l’iscrizione “I.C.N.C.R.I.”, che testimonia il nuovo cambiamento religioso in favore della fede cristiana, diffusosi nell’isola con l’arrivo dei Normanni e la conseguente sottomissione degli Arabi.
Alcuni storici, citando Diodoro Siculo, sostengono che in questo stesso sito già in epoca greco-romana esisteva una qualche fortificazione. La più antica testimonianza scritta dell’esistenza del Castello di Salemi risale al 1154 e si deve a Idrisi, geografo arabo di re Ruggero.
La struttura organizzativa, i caratteri planimetrici, le tecniche costruttive usate mostrano oggi un edificio pertinente all’età sveva, o quanto meno riassestato in età sveva. L’architettura gotica di tipo cistercense di età federiciana sembra infatti aver influenzato la riorganizzazione del castello.
 Il Castello di Salemi si presenta articolato intorno ad una corte centrale, quasi rettangolare, cinta da muri su tre lati e da un edificio abitativo lungo il lato sud-est, un salone rettangolare tripartito in un secondo momento e a cui si aggiunse un altro piano in età aragonese.  Si caratterizza per la presenza  di tre torri angolari, una tonda e due quadre. Una quarta torre esistente nell’angolo nord è probabilmente crollata nel XVII sec. Le volte interne sono ad ombrello ottagonale con costoloni in pietra intagliata, a botte leggermente ogivate, a crociera su finte colonne. La torre rotonda è formata da tre vani sovrapposti che si possono chiaramente individuare dall’esterno, grazie a tre marcapiani di pietra. L’ingresso al castello, lungo il lato ovest,  è costituito da due archi acuti di diversa ampiezza, posti sullo stesso asse, separati da due fenditure entro cui scorreva la saracinesca.
 Il Castello di Salemi era circondato almeno da una doppia cinta muraria. Non resta più traccia di tali mura ma esiste la memoria di almeno cinque delle porte che consentivano l’accesso alla città e di almeno tre torri di guardia ad essi sovrapposti. Gli ingressi di cui abbiamo notizia erano: “Porta Gibli”, “Porta Santa Maria”, “Porta Aquila”, “Porta Quercia” e “Porta Corleone”. Le torri di guardia erano invece quella adattata a campanile della Chiesa Madre, e quella trasformata in campanile della Chiesa di S. Antonino. Di una terza torre si ha notizia in seguito a dei lavori nel quartiere della Giudecca, e di cui non rimane traccia alcuna.
Nel corso degli anni si sono susseguiti diversi usi della struttura. Nel 1789 il comune vi costruì il carcere, poi demolito nel 1959. Tra il 1934 e il 1984 il Castello di Salemi ospitò la Biblioteca Comunale. Bisogna ricordare poi che dalla torre tonda sventolò la prima bandiera tricolore dell’Italia unita. Addossata ai muri perimetrali della fortezza vi era anche una chiesa intitolata a S. Francesco di Paola; era adibita prevalentemente ad uso dei prigionieri perché potessero assistere alle funzioni religiose dall’interno della fortezza. Della chiesa non esiste più traccia.

© Riproduzione riservata

* Il testo e alcune delle fotografie sono state gentilmente concessi dalla Pro Loco di Salemi.


Informazioni aggiuntive

  • Epoca: Normanno-sveva
  • Ubicazione: Piazza Alicia
  • Proprietà: Comune di Salemi
  • Condizioni: Ottime (restaurato)
  • Informazioni: Museo - numero tel. (+39) 0924.982376
  • Visite:

    Visite: dal martedì al sabato 10.00-13.00/16.00-19.00.
    Costo biglietto: 2€ scolaresche; 3€ gruppi superiori alle 20 unità; 5€ persone singole o inferiori a 20 unità.
    Per le visite, contattare il Museo al numero tel. (+39) 0924.982376.
    Il biglietto è valido anche per la visita al Museo.

From:

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…