itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Pietraperzia

Pietraperzia Pietraperzia in provincia di Enna

Pietraperzia, un antico borgo sorto sulle pendici della rupe di pietre forate

  Nel cuore della Sicilia, nella valle del fiume Salso, su uno sperone a 476 metri di altezza, si scorgono i ruderi del castello di Pietraperzia. Ci troviamo in provincia di Enna, in una zona abitata da tempi antichissimi, come documentano le tombe a grotticella di epoca pre-ellenica scavate nelle pendici della roccia sulla quale sorge il borgo, conferendogli un aspetto caratteristico. A questa particolare morfologia della rupe il paese deve il toponimo Pietraperzia, dal dialetto petri pirciari, ovvero pietre forate.
  La visita al paese può iniziare da Piazza Vittorio Emanuele, dove sorgono la Chiesa di Santa Maria di Gesù, il cui chiostro è adibito a Museo ecclesiastico, e la chiesa intitolata a San Rocco, patrono della città. Da questa piazza è possibile addentrarsi nel centro storico e salire sino al punto più in alto del paese. Il percorso si snoda attraverso strade basolate, gradinate in pietra e piccole viuzze. È un susseguirsi di piazze e slarghi, ciascuno con i propri monumenti. Una delle più suggestive è Piazza Matteotti, dove spiccano l’ex Convento di San Domenico, oggi sede del Municipio, la Chiesa del Rosario e, di fronte, il Palazzo Tortorici progettato dal Basile. Poco oltre s’incontra la cinquecentesca Chiesa Madre, custode di opere pregevoli e, proseguendo nella salita, il rinascimentale Palazzo del Governatore, con una bella mensola figurata a reggere il balcone angolare.
  In Piazza Belvedere è possibile scorgere i resti del Castello Barresio, realizzato su una preesistente fortificazione islamica e ricostruito ed ampliato nell’XI secolo dai Normanni, guidati dal conte Ruggero alla conquista della Sicilia.
_________________________________

COSA VEDERE VICINO PIETRAPERZIA

 Il territorio, popolato nei secoli da Siculi, Sicani, Greci e Romani, che hanno lasciato tracce dei loro insediamenti, è noto agli appassionati di archeologia per alcune singolari strutture megalitiche di probabile età neolitica: gli acrocori naturali, situati nell’altopiano di Cerumbelle (Cirumeddi). Il più famoso è quello della piramide, somigliante ad una ziggurath mesopotamica, forse un tempo sede del culto del Sole. Una visita la merita anche il sito archeologico di contrada Runzi dove sono state portate alla luce strutture abitative di età ellenistica e romana. Da non perdere la visita al  Santuario della Madonna della Cava che, si racconta, deve il suo nome ad un’immagine della Vergine dipinta su una pietra ritrovata in una cava da un uomo muto che riacquistò la parola nel momento del ritrovamento, lodando ad alta voce Maria. Il santuario è meta di frequenti pellegrinaggi da parte di numerosi fedeli. Nei suoi pressi sono stati scoperti alcuni resti di età romana, mentre tombe a forno dell'età del Bronzo sono state rinvenute su Monte Cane. Anche sulle Rocche Tornambè sono presenti necropoli con tombe a forno dell'età del Bronzo e tracce di un insediamento risalente alla stessa epoca sono state trovate sulle Rocche Donna Ricca, insieme ad alcune tombe a camera indigeno-ellenizzate, ad ulteriore testimonianza che il territorio è stato abitato sin da epoca remota.
_________________________________

FESTE E SAGRE PIETRAPERZIA

Marzo - Festa di San Giuseppe
  Per la festa di San Giuseppe si rievoca la fuga in Egitto della Sacra Famiglia. Il corteo nel suo cammino viene avvicinato dai soldati di Erode che hanno ricevuto l’ordine di uccidere Gesù, ma vengono fermati e allontanati da un Angelo. Maria, Giuseppe e Gesù avanzano così sino alla grande tavulata imbandita dinanzi la Chiesa Madre, alla quale sono invitati a banchettare anche i poveri del paese.

Settimana Santa
  Ricca di fascino è la manifestazione del Venerdì Santo, quando per le vie del paese si svolge la processione del “Signore delle fasce”. Un antico crocifisso viene posto sopra un’asta di cipresso alta otto metri, tenuta dritta da circa duecento fasce di tela di lino bianco legate alla croce e, dall’altro capo, rette dai devoti. Le celebrazioni pasquali culminano la domenica con l’Incontro tra il Cristo Risorto e la Madonna.

Agosto - Festa Madonna della Cava, compatrona
  Alla mezzanotte del 14 agosto viene celebrata la S. Messa all’esterno del Santuario della Madonna della Cava, la cui festa ricorre il 15 agosto.

Agosto - Festa di San Rocco, compatrono
  Il 16 agosto viene festeggiato San Rocco con una suggestiva processione del simulacro del Santo che si snoda per le vie del paese.
_________________________________

PRODOTTI TIPICI PIETRAPERZIA

A Pietraperzia è d'obbligo gustare i dolci e l'olio extra vergine d'oliva che si produce nel territorio.
_________________________________

COME ARRIVARE A PIETRAPERZIA

  Da Palermo: Autostrada A19 PA-CT, uscita Caltanissetta. Procedere sino ad incontrare le indicazioni per Pietraperzia e per la SS 626.

© Riproduzione riservata

 

Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Enna
  • Altitudine: 476 m. s.l.m.
  • Popolazione: 7.183
  • Prefisso: 0934
  • CAP: 94016
  • Abitanti: pietrini
  • Santo Patrono: San Rocco
  • Festa: 16 agosto

Plugin 4

From:

Module 1

Scopri il territorio di Pietraperzia

Prodotti Tipici

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…