itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Vittoria

Vittoria La Chiesa Madre in Piazza Vescovo Ferdinando Ricca

Vittoria, ovvero l’eleganza raffinata di un paese dall’anima liberty

  La capitale del movimento modernista novecentesco in Italia è senza dubbio la siciliana Vittoria, conosciuta anche come Città del Liberty. Qui tra il 1900 e il 1940 furono costruiti interi quartieri improntati alla raffinatezza ornamentale e alla sinuosità delle linee costruttive e decorative dell’Art Nouveau, che combinava felicemente ferro, cemento, vetro e pietra. All’epoca a Vittoria si producevano varie qualità di vino nero pregiato e il boom della vitivinicoltura rese possibile alle famiglie del ceto medio locale e ai produttori agricoli di edificare meravigliosi palazzi nel centro città, caratterizzati da estrose inferriate e da ricercati prospetti, abbelliti da decorazioni, quali grappoli d’uva, simbolo della ricchezza vittoriese, oppure intrecci floreali e geometrici, dove spesso erano presenti volti sognanti di donne.
 L’elegante città di Vittoria è relativamente giovane. Era infatti il 1607 quando la contessa di Modica, Vittoria Colonna, figlia del viceré Marcantonio Colonna, ottenne la licentia populandi per la valorizzazione agricola di questo territorio e la bonifica delle terre vicine. La città, che assunse il nome della nobildonna, cominciò a prendere forma attorno al castello e all’antica chiesa dedicata a San Giovanni Battista, patrono della città. Negli anni Vittoria crebbe e si sviluppò velocemente, attirando molti abitanti dei paesi vicini, ma anche dalla Calabria e dall’isola di Malta. Nel 1693 il centro abitato fu distrutto da un terremoto e ricostruito in pianura. E' in questa occasione che furono realizzate la Piazza Vescovo Ricca e la nuova Chiesa Madre, consacrata a San Giovanni Battista. L’edificio religioso, adorno con marmi e decorazioni a stucco, è stato elevato a basilica nel 1750. In Piazza del Popolo si può ammirare il Teatro comunale con il prospetto in stile neoclassico, che si trova addossato alla chiesa tardo barocca di Santa Maria delle Grazie, fondata nel 1612 e ricostruita dopo il terremoto.
_________________________________

COSA VEDERE VICINO VITTORIA

 La frazione di Scoglitti, con la sua spiaggia di sabbia dorata, è una nota località di mare. Qui sono stati trovati resti di tombe risalenti al V secolo a.C.. Nei suoi pressi si trova la foce del fiume Ippari e il sito archeologico dell’antica colonia di Kamarina, fondata dai siracusani nel VI secolo a.C. e  facente parte del territorio di Ragusa.
  In località Torrevecchia sono state rinvenute necropoli di epoca cristiana e greca ma anche frammenti ceramici di epoca preistorica, ed un insediamento rupestre, risalente ad un periodo compreso tra l’età bizantina e quella medievale, si trova in località Martorina. Gli amanti dei percorsi naturalistici potranno recarsi alla Riserva Naturale Orientata Pino d’Aleppo, istituita nel 1990 per salvaguardare gli esemplari di Pinus halepensis che vi crescono. Da visitare è anche il Santuario della Madonna della Salute per ammirare la statua della Madonna della Catena, alla quale molti vittoriesi sono devoti.
_________________________________

FESTE E SAGRE VITTORIA

Luglio - Festa di San Giovanni Battista, patrono
  Il Santo patrono viene festeggiato la prima domenica di luglio con la processione del simulacro per le vie del centro storico, seguito da tantissimi fedeli alcuni dei quali per “voto” camminano scalzi. La festa di San Giovanni si svolge anche l’11 gennaio, in ricordo del terremoto che nel 1693 distrusse il centro abitato.

Settimana Santa
  Tra le celebrazioni che si svolgono durante la Settimana Santa vi è la rappresentazione del Dramma Sacro (I Parti) a partire dalla Passione del Venerdì Santo sino alla domenica di Resurrezione.
_________________________________

PRODOTTI TIPICI VITTORIA

 Vittoria è famosa per la coltivazione delle primizie in serra (pomodori, peperoni, ciliegino, melanzane etc) ma anche per la produzione di olio e di vino (Cerasuolo di Vittoria DOCG). Tra i prodotti tipici vi sono i dolci, tra i quali i cassateddi (ravioli fritti ripieni di ricotta), i taralli, i mastazzola, i mucatoli, e tanti altri. Da gustare le scacce (focacce ripiene con ricotta e salsiccia, con patate o con melanzane ecc) e, se vi trovate dalle parti di Scoglitti, il pesce appena pescato.
_________________________________

COME ARRIVARE A VITTORIA

  Da Catania: Autostrada Catania-Siracusa, uscita Lentini – Carlentini. Immettersi sulla SS 194 e sulla SS 514 in direzione di Ragusa. Uscire per Ragusa Ovest seguendo la segnaletica per Vittoria. Proseguire sulla SS 115 in direzione di Comiso e di Vittoria.

© Riproduzione riservata

 

Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Ragusa
  • Altitudine: 168 m. s.l.m.
  • Popolazione: 62.700
  • Prefisso: 0932
  • CAP: 97019
  • Abitanti: vittoriesi
  • Santo Patrono: San Giovanni Battista
  • Festa: prima domenica di luglio

Plugin 4

From:

Module 1

Scopri il territorio di Vittoria

Prodotti Tipici

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…