itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Cuccìa

  Le ricette culinarie a volte sono legate a leggende popolari. È il caso della cuccìa, dolce tipico della festa di Santa Lucia del 13 dicembre, giorno in cui - insieme alle arancine e alle panelle - sostituisce il pane, la pasta e gli altri cibi con farina.
Come ha scritto lo storico Rosario La Duca, «coloro che soffrono di affezioni agli occhi fanno la penitenza di non mangiar pane, sostituendolo con la cuccìa o con le classiche panelle. Seguono quest’uso anche coloro che invocano la santa affinché serbi sani gli occhi, recitando la litania: Santa Lucia, Pani vurria; Pani nun n’aiu, Accussì mi staju (ovvero “Santa Lucia, vorrei il pane; pane non ho, e così sto”). In tal modo, messo in evidenza il sacrificio fatto, la Santa non potrà fare a meno di dare una contropartita…».

La Cuccìa siciliana

 Intorno all’origine di questa usanza sono fiorite tante leggende. Quella nota ai più narra che nel giorno di Santa Lucia del 1646, durante la dominazione spagnola, mentre una terribile carestia minacciava l’isola, al porto di Siracusa (alcuni dicono di Palermo) giunse una nave carica di frumento. La popolazione, stremata dalla fame, si impossessò del carico, lo mise a bollire e se lo mangiò intero, senza macinare il grano. Si gridò al miracolo e da allora alla devozione per la Santa è stato associato l’uso di consumare pietanze a base di grano bollito e riso. Da qui l’etimologia della parola “cuccìa”, che deriva da “cocciu”, ovvero chicco, o dal verbo “cucciari”, ossia mangiare un chicco alla volta.

La ricetta della Cuccìa di Santa Lucia

 La cuccia è un dolce al cucchiaio a base di frumento cotto, condito con la ricotta oppure con latte e zucchero, cioccolato e cannella, mostarda e miele o vino cotto. Tanti i paesi dove in occasione della festa di Santa Lucia si svolge la sagra della cuccìa, fra i quali Paceco nel trapanese, San Michele di Ganzaria e Mirabella Imbaccari in provincia di Catania, Enna e Palazzo Adriano nel palermitano, dove invece la cuccìa viene festeggiata nel mese di agosto.

© Riproduzione riservata

_________________________________

Preparazione della Cuccìa

 Per preparare la cuccìa occorrerà mettere il frumento in acqua per 3 giorni, dopo averlo pulito da eventuali corpi estranei e lavato, avendo cura di cambiare l’acqua una volta al giorno. Trascorso il tempo, scolare il frumento e disporlo in un tegame colmo di acqua, salarlo con un pizzico di sale e cuocerlo a fuoco basso per 2-3 ore e comunque fino a quando i chicchi non saranno ben teneri. Quindi lasciarlo riposare ben coperto per tutta la notte nella sua stessa acqua di cottura.
  Nel frattempo mescolare la ricotta assieme allo zucchero, passarla al setaccio per eliminare i grumi e aggiungervi il cioccolato tagliato a scagliette e i pezzetti di zucca candita. Amalgamate il composto al frumento scolato dall’acqua e raffreddato. Servite con una spolverata di polvere di cannella.
_________________________________

Vini Consigliati

Moscato di Noto bianco

Informazioni aggiuntive

  • Ingredienti:


    per 6 persone
    500 gr. di frumento di grano tenero
    400 gr. di ricotta fresca
    250 gr di zucchero
    0,1 dl di latte
    50 gr di cioccolato fondente
    1 pizzico di cannella in polvere
    150 gr di zucca candita

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito