itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Pesca di Leonforte Igp

Sui Monti Erei, nel cuore della Sicilia, viene coltivato un frutto la cui fama ha varcato i confini regionali e nazionali. E’ la celebre pesca di Leonforte, chiamata anche Settembrina poiché una delle sue caratteristiche principali riguarda proprio l’epoca di maturazione. Si tratta infatti di una drupacea tardiva, con maturazione tra settembre ed ottobre che, per questo motivo, fa capolino sui mercati quando le altre varietà hanno già concluso il loro ciclo produttivo.

Pesca di Leonforte: la pesca nel sacchetto Slow Food

Ciò è reso possibile grazie anche ad una tecnica con la quale i frutti vengono protetti dagli attacchi della temibile Ceratitis capitata, ovvero la mosca mediterranea che colpisce le colture frutticole estive, e senza l’utilizzo eccessivo di concimi industriali. Il frutto si è anche conquistato l’appellativo di “pesca nel sacchetto”, poiché le pesche vengono insaccate manualmente, con della carta pergamena argento, ad una ad una mentre sono ancora sull’albero. E’ un lavoro certosino praticato dagli agricoltori locali che ogni anno, a partire dal mese di giugno, si prodigano ad insaccare (‘ncuppari) singolarmente i frutti con sacchetti di carta pergamena, che meticolosamente richiudono con un sottilissimo fil di ferro. In un giorno, i coltivatori più veloci ne riescono ad insacchettare oltre duemila. I frutti in questo modo crescono protetti dagli insetti e dalle intemperie, per essere raccolti in autunno, dopo aver raggiunto la giusta maturazione.
Questo procedimento, che ha fatto la fortuna del prelibato frutto di Leonforte, risale agli anni Settanta e si deve ad un tal Pappalardo di Acireale che, desideroso di proteggere dai parassiti le pesche da lui coltivate, inventò la tecnica dell’insacchettamento.
Il territorio di Leonforte, ricco di acqua e rigoglioso di vegetazione, da sempre è stato interessato da un’intensa attività agricola. L’origine del pesco a Leonforte si fa però risalire alla casualità poiché, a quanto pare, gli alberi cominciarono a crescere spontaneamente tra gli agrumeti e solo in un secondo momento si iniziarono ad impiantare in veri e propri frutteti. La peschicoltura cominciò a diffondersi nella prima metà del secolo scorso per poi però subire una battuta d’arresto attorno agli anni Cinquanta, quando fu abbandonata proprio per i danni causati dalla mosca della frutta. Per rimediare a questo inconveniente, Pappalardo pensò di avvolgere i frutti con un sacchetto di carta pergamena, qualche mese prima della loro maturazione.
La pesca di Leonforte Igp comprende due ecotipi che si differenziano per il colore della polpa. Questa è infatti bianca nell’ecotipo cosiddetto Bianco di Leonforte e di colore giallo nel Giallone di Leonforte. In entrambi i casi però si tratta di un frutto molto profumato, dalla buccia di colore giallo intenso e con la polpa densa e dolce. E’ un frutto ricco di vitamine A, B1, B2 e C, ed anche PP, quest’ultime importanti per il sistema nervoso e il funzionamento dello stomaco. Ottime da gustare fresche o sciroppate, con la pesca di Leonforte si preparano anche confetture, dolci e gelati.
La buona e profumata “pesca nel sacchetto” è diventata presidio Slow Food.

_________________________________

Raccolta Pesca di Leonforte

La raccolta della pesca di Leonforte viene effettuata a mano a partire dalla prima decade di settembre e si protrae sino alla prima decade di novembre. Le operazioni di raccolta si effettuano quando i frutti sono completamente maturi, per consentirne la lavorazione e il trasporto, evitando le ore più calde della giornata e l’esposizione al sole dei frutti appena raccolti. Si procede estraendo le pesche dai sacchetti, dopo che questi sono stati staccati ad uno ad uno dall’albero. Si passa poi ad effettuare a mano una selezione, per eliminare i frutti con qualche difetto.

© Riproduzione riservata

Informazioni aggiuntive

  • Territorio:

     

    Provincia di Enna: Agira, Assoro, Calascibetta, Enna, Leonforte e Nissoria

  • Produzione: Da Settembre a Novembre
  • Riconoscimenti:

    Indicazione Geografica Protetta (I.G.P.) - Presidio Slow Food

  • Sagra:

    Leonforte - Ottobre

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito