itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Castiglione di Sicilia

Castiglione di Sicilia Castiglione di Sicilia

Castiglione di Sicilia, l’animosa città che domina la Valle dell’Alcantara

 In principio era il Quastallum. Furono alcuni Greci, esuli dell’antica Naxos, a costruire una rocca fortificata di avvistamento per dominare tutta la Valle dell'Alcantara, via d’accesso all’entroterra siciliano. Nel Medioevo attorno alla rocca prese forma il centro abitato che assunse il nome di “Castellum” e successivamente, sotto gli Aragonesi, di “Castellione”, ovvero castello grande, ma interpretato come Castel Leone, per attribuirle un marchio di regalità.
Con la dominazione sveva, Castiglione divenne città regia. Federico II di Svevia nel 1233 le concesse l'appellativo di "Animosa", confermandole il privilegio di battere moneta, e l’ammiraglio Ruggero di Lauria, ultimo feudatario, la scelse spesso come residenza estiva. Nei secoli successivi il borgo di Castiglione di Sicilia si arricchì di fortificazioni, furono edificate chiese e palazzi e fiorì grazie al commercio, all'artigianato, alla coltura e alla lavorazione del lino e alla coltivazione delle nocciole. Il periodo di decadenza cominciò dopo il 1373, anno in cui la città fu concessa in baronia a Pirrone Gioeni. Il dominio feudale durò fino al 1612, quando la rivolta dei  cittadini segnò la riconquista delle libertà civiche.
L’abitato si caratterizza per il suo aspetto tipicamente medievale, con le strette viuzze e il castello in cima ad una rocca. Quella di San Martino costituisce una delle nove porte che davano l’accesso alla città antica, un tempo cinta da mura e suddivisa in quartieri. Il Castello di Lauria, dall’alto della sua posizione, controllava buona parte del Val Demone. La Torre 'U Cannizzu sorgeva fuori dalle mura cittadine, e dominava l’intera alta valle dell’Alcantara e, quando Federico II re di Sicilia conquistò la città, fu la prima roccaforte ad essere espugnata.
La Chiesa Madre, dedicata ai Santi Apostoli Pietro e Paolo, del periodo normanno conserva ancora la parte absidale con il torrione in conci di lava e pietra arenaria reso ancor più bello da una fascia di archetti pensili. In uno dei quartieri più antichi del paese si trova la Chiesa di Sant’Antonio Abate del XVII secolo, con la facciata concava e l’interno ornato con marmi a mosaico, tele preziose e un pulpito confessionale con fregi ed incisioni. Da visitare è anche la Basilica della Madonna della Catena, dove è custodita la statua della Madonna, di scuola gaginesca, alla quale la popolazione nel mese di maggio di ogni anno attribuisce una sontuosa festa.

_________________________________

COSA VEDERE VICINO CASTIGLIONE DI SICILIA

  A pochi chilometri dal centro abitato, sorge la Chiesa di Santa Domenica, con la cupola centrale arricchita da volte a crociera, che è una delle più importanti cube bizantine presenti nell’isola, dichiarata monumento nazionale agli inizi del secolo scorso. Sulla strada per Francavilla di Sicilia s’incontra la piccola Chiesa di San Nicola di origine normanna che conserva affreschi bizantini. Nel territorio di Castiglione di Sicilia  ricade la maggior parte del Parco fluviale dell'Alcantara, con le sue affascinanti gole e gurne, e il Parco dell’Etna che offrono spunti per interessanti escursioni naturalistiche.

_________________________________

FESTE E SAGRE CASTIGLIONE DI SICILIA

Maggio – Festa della Madonna della Catena, patrona
 La festa patronale di Castiglione di Sicilia si celebra la prima domenica di maggio, giorno in cui le vie del paese vengono percorse dalla processione con il simulacro della Madonna della Catena.

Agosto – Calici di Stelle
 La manifestazione che promuove l’ottimo vino locale e il buon cibo.

Agosto – Sagra del pane condito
 Sagra del pane condito di Castiglione si svolge in estate e celebra il rinomato pane locale con degustazioni ed intrattenimento.

Natale
 Nei giorni di Natale a Castiglione di Sicilia vengono allestiti i presepi nei quartieri e si organizzano varie manifestazioni d’intrattenimento, i mercatini natalizi e le degustazioni di prodotti tipici. Nell’antico quartiere della Giudecca a Castiglione di Sicilia va in scena il Presepe vivente.

_________________________________

PRODOTTI TIPICI CASTIGLIONE DI SICILIA

 Nel territorio di Castiglione di Sicilia nasce l’ottimo vino Etna DOC, ottenuto dalle uve di quattro vitigni: il Carricante, il Catarratto, il Nerello Mascalese ed il Nerello Cappuccio. Da degustare i formaggi, tra cui la provola, la ricotta, l’olio che si produce nel territorio e  i  dolci a base di nocciole locali, come le paste di nocciola e i cuddureddi.

_________________________________

COME ARRIVARE A CASTIGLIONE DI SICILIA

 Da Catania: Autostrada A18 ME-CT, uscita Fiumefreddo. Proseguire sulla SS 120 per Piedimonte Etneo, Linguaglossa e Castiglione di Sicilia.

© Riproduzione riservata

Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Catania
  • Altitudine: 621 m. s.l.m.
  • Popolazione: 3.269
  • Prefisso: 0942
  • CAP: 95012
  • Abitanti: castiglionesi
  • Santo Patrono: Madonna della Catena
  • Festa: prima domenica di maggio

Plugin 4

From:

Module 1

Scopri il territorio di Castiglione di Sicilia

Prodotti Tipici

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…