itzh-CNzh-TWenfrdeeljaptrues

Pollina

Pollina Pollina in provincia di Palermo

Pollina, il pittoresco borgo madonita che si affaccia sul mar Tirreno

 All’inizio forse fu Apollonia, una città della Magna Grecia citata anche da Cicerone, consacrata al dio della luce e della poesia. Le prime notizie certe su Pollina, pittoresco borgo del Parco delle Madonie, risalgono tuttavia al 1082, anno in cui il casale di Polla viene citato fra le proprietà della diocesi di Troina. Il primo nucleo abitato nacque a cavallo tra la fine della dominazione romana e l’inizio di quella musulmana, attorno al castello che era già menzionato in un diploma dell'anno 1207 dell'Imperatore Federico II di Svezia.
La leggenda narra che la fondazione di Pollina fu dovuta ad una storia d’amore contrastata, tra donna Pollina, principessa normanna, e il visir arabo Ayub. I due amanti furono costretti a scappare, e dopo lungo vagare, si fermarono su un pizzo che dominava il mar Tirreno, costruendovi una fortezza inespugnabile. Nel Cinquecento proprio dall’antica torre di questo castello fece le sue osservazioni astronomiche il matematico e scienziato Francesco Maurolico, ospite del marchese Giovanni II Ventimiglia, la cui famiglia controllò fino all’Ottocento tutto il territorio circostante.
Quando si arriva quassù, si è accolti da antiche case abbarbicate tra le rocce, da piccole chiese e da strade lastricate di pietra. La Chiesa Madre, intitolata ai Santi Giovanni e Paolo, custodisce opere  di pregio tra le quali due capolavori di Antonello Gagini e la statua della Madonna Calva di Francesco Laurana. La Via S. Antonio conduce all’omonima chiesetta, preceduta da un arco, dal quale un tempo si accedeva al borgo. La Chiesa di San Giuliano, patrono di Pollina, è in stile romanico e si trova nella parte bassa del paese. Ai piedi della torre del castello, è stato costruito, su progetto dell’architetto Antonio Foscari, un teatro all’aperto d’impronta ellenistica, denominato Pietrarosa, poiché realizzato con pietre di questo colore e su una roccia che al tramonto assume sfumature rosate.

Offerta Hotel Pollina
Bed and Breakfast a Pollina

Booking.com

_________________________________

COSA VEDERE VICINO POLLINA

  Allo sbocco sul mare sorge la frazione di Finale di Pollina, un tempo appartenuta ai Ventimiglia e sviluppatasi attorno ad una delle tante torri di avvistamento che arricchiscono questo tratto di costa dell’isola. Il territorio attorno il paese è ricco di boschi. Ci troviamo nel Parco delle Madonie e numerosi sono i frassineti da cui si estrae la manna, alla quale è stata dedicata un museo. La Serra Daino invece è un vero e proprio giardino botanico dove, tra i pini, i lecci, i mirti e i sughereti, crescono i corbezzoli (conosciuti anche col nome di ‘mbriaculi perché, se mangiati in quantità, fanno girar la testa) e le orchidee spontanee. Lungo il letto del fiume Pollina, un tempo chiamato Monalos, soprattutto in primavera, la natura sfoggia i suoi profumi e i colori più belli con gli oleandri, le ginestre, il rosmarino, la zagara degli agrumeti e le piante spontanee della macchia mediterranea.
_________________________________

FESTE E SAGRE POLLINA

Luglio – Festa di San Giuliano, patrono
  La seconda domenica di luglio, solenni festeggiamenti vengono attribuiti a San Giuliano, con la processione campestre del simulacro che viene condotto fuori dal centro abitato per la benedizione dei campi, alla quale segue la processione della farina, retaggio di antiche usanze contadine.

Settembre – Sagra della manna
  La sagra, che si svolge nel centro storico di Pollina, vede l’allestimento di stand eno-gastronomici, di spettacoli ed altre manifestazioni culturali.

Agosto – Festa di Maria SS. della Lettera
  La festa si svolge nella frazione di Finale di Pollina.

Novembre – Sagra dell’ulivo
  Durante la sagra, che si svolge nella frazione di Finale di Pollina, si potranno degustare i prodotti della gastronomia locale e si potrà assistere all’esibizione dei gruppi folkloristici.
_________________________________

PRODOTTI TIPICI POLLINA

  Pollina è conosciuta come il paese della manna, che viene raccolta in forma liquida nei vicini boschi di frassino, intaccando con uno speciale coltello il tronco degli alberi. La manna viene fatta seccare al sole caldo dell’estate siciliana e viene poi utilizzata in composti medicinali, alla stregua di quanto facevano duemila anni fa i medici greci, romani e arabi che la chiamavano “miele di rugiada” o “miele di frassino”. Da gustare anche i prodotti della pasticceria locale e i biscotti, soprattutto quelli preparati nel periodo natalizio e a Pasqua.
_________________________________

COME ARRIVARE A POLLINA

 Da Palermo: Autostrada A19 PA-CT e autostrada A20 PA-ME, uscita Pollina-Castelbuono, proseguire su SS 286 e su SP 130. Oppure SS 113 in direzione di Messina, sino al bivio per Pollina e  proseguire su SP25.

© Riproduzione riservata

 

Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Palermo
  • Altitudine: 730 m. s.l.m.
  • Popolazione: 3.001
  • Prefisso: 0921
  • CAP: 90010
  • Abitanti: pollinesi
  • Santo Patrono: San Giuliano
  • Festa: seconda domenica di luglio

Plugin 4

From:

Module 1

Scopri il territorio di Pollina

Prodotti Tipici

Visita la Sicilia

Su VivaSicilia trovi tutte le informazioni utili per visitare l'isola più bella d'Europa, sia che il tuo viaggio duri settimane che pochi giorni. Trovi riferimenti utili per la tua vacanza in Sicilia, come ad esempio le attrazioni turistiche, i siti e i monumenti più importanti.

Se non sai da dove cominciare, puoi visitare la sezione Vacanze in Sicilia: qui trovi delle guide utili e degli spunti per iniziare il tuo viaggio, tra bellissime spiagge, località, hotel dove dormire e ristoranti per degustare i piatti tipici siciliani. Mappa del Sito

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…