Abbazia Santa Maria di Maniace – Bronte

L’abbazia benedettina di Maniace sorge sulla riva sinistra del torrente Saraceno, in quelle che un tempo erano le terre dei Nelson, incastonata in un paesaggio di boschi, tra l’Etna e i Monti Nebrodi.
Il complesso religioso risale al 1173 e fu fatto edificare sulle rovine di una preesistente costruzione basiliana, da Margherita di Navarra, moglie di Guglielmo I e madre di Guglielmo il Buono, per durevole memoria della battaglia vinta da Giorgio Maniace contro i Saraceni.

Dormire a Bronte
Bed and Breakfast Bronte
Booking.com

L’Abbazia di Maniace Bronte

La chiesa originaria era nota come “Santa Maria del valorosissimo Maniace”, sorgeva nel luogo in cui il generale, a capo di truppe bizantine, sconfisse un esercito saraceno e conservava un’icona della Vergine che la tradizione riteneva fosse stata dipinta da San Luca.
L’abbazia di Santa Maria di Maniace è nota anche come Castello di Nelson e racchiude un raro gioiello dell’architettura romanica del XII secolo. Si tratta di una tipica chiesa basilicale con tre navate, di cui quella centrale più alta, intervallate da pilastri in pietra basaltica, a sezione circolare ed esagonale, il soffitto in legno a capriate e i prospetti ingentiliti da un doppio ordine di finestre ogivali. Alla sua realizzazione contribuirono le maestranze che nello stesso periodo lavoravano al Duomo di Monreale. Sia Bronte che Maniace appartenevano infatti alla diocesi dell’Arcivescovo di Monreale e la costruzione di entrambe le opere avvenne nel periodo di massimo splendore del regno normanno. La chiesa di Maniace subì gravi danni durante il terremoto del 1693 e la successiva ricostruzione ne alterò il primitivo aspetto architettonico. Sotto il pavimento dell’antico granaio, che oggi ospita una sala conferenze, è stata portata alla luce la parte terminale della base dell’abside centrale venuta giù in seguito al sisma.
Si accede alla chiesa di Maniace dopo aver oltrepassato un pregevole portale con un grande arco a sesto acuto sorretto da colonnine in pietra in marmo, in porfido, in arenaria, sormontate da capitelli istoriati con figure simboliche e scene bibliche. Un’opera di grande valore artistico risalente probabilmente ai primi anni della fondazione dell’abbazia. All’interno la chiesa custodisce quadri di grande valore, tra i quali un’icona bizantina raffigurante una Madonna con Bambino Gesù, datata tra l’XI e il XIII secolo e opere in marmo.
L’antico monastero dell’abbazia di Maniace è stato trasformato dal Nelson in residenza signorile. Oggi è diventato un museo che racconta uno spaccato di vita inglese del XIX secolo e si trova circondato da un grande parco con piante secolari e fiori di ogni specie.

Castello di Nelson orari

Il castello di Nelson e la chiesa di Santa Maria di Maniace sono visitabili tutti i giorni, mattina e pomeriggio. Attualmente il complesso architettonico dell’abbazia di Maniace è chiuso per restauro.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • EpocaXII secolo
  • UbicazioneC.da Maniace
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Translate »
error: Contenuto Riservato.