Castello Nelson – Bronte

Il territorio su cui sorge il Castello di Nelson fu dato in dono nel 1799 da Ferdinando IV all’ammiraglio britannico Horatio Nelson, in segno di gratitudine per l’aiuto prestatogli nella repressione dei moti di Napoli. Dal 1981 il monastero di Maniace, impropriamente chiamato “castello”, è di proprietà del Comune di Bronte di cui Maniace fu frazione fino ad allora. Un abate dell’abbazia di Maniace divenne anche pontefice: il cardinale Rodrigo Borgia, con il nome di Alessandro VI. Il primo abate fu invece il francese Guillaume de Blois, poeta latino.

Dove dormire a Bronte
Prenota Bed and Breakfast Bronte
Booking.com

Storia del Castello Nelson Bronte

In origine il complesso architettonico del castello di Nelson fu dotato di torri e circondato da mura, che lo rendevano simile ad un monastero fortificato. All’esterno dell’abbazia di Maniace Bronte sono ancora visibili i resti di due torrette facenti parte del sistema difensivo, crollate in seguito al terremoto del 1693 che costrinse i padri basiliani ad abbandonare il monastero e a trasferirsi nella vicina Bronte.
Alla sua trasformazione in residenza signorile prese parte lo stesso Horatio Nelson tramite il giardiniere e amministratore Andrea Graefer anche se per lo stesso non ci fu l’occasione di abitarvi.
Il castello di Nelson Bronte si compone di edifici ad una e due elevazioni, che si affacciano sul giardino inglese di circa cinquemila metri quadrati voluto dai Nelson con piante secolari e fiori di varie specie e sui due cortili interni a pianta rettangolare, in uno dei quali si trova la croce celtica innalzata nel 1891 dagli eredi in onore dell’ammiraglio Nelson “Heroi immortali Nili” (All’eroe immortale del Nilo).
La parte più rilevante di tutto il complesso è l’antica chiesa normanna-sveva di “Sancta Maria Maniacensis”, splendido esempio dell’architettura romanica del XII secolo che colpisce soprattutto per il suo bel portale normanno a sesto acuto. In quello che un tempo era il vecchio monastero benedettino venne invece realizzata la residenza dei discendenti di Horatio Nelson, oggi trasformata in un museo. Gli appartamenti signorili, in parte piastrellati con pavimenti originali di maiolica del Settecento, conservano gli arredi e le suppellettili originarie assieme ai cimeli, reperti archeologici, stampe e quadri raffiguranti l’ammiraglio inglese e i suoi discendenti.
Il castello di Nelson si trova attorniato da un grande parco impreziosito da un museo all’aperto di sculture in pietra lavica, con opere di artisti di fama mondiale.

Castello Nelson orari

Il castello Nelson è visitabile tutti i giorni dalle ore 9,00 del mattino sino alle 13,00 e dalle ore 14,30 sino alle 17,00. Nel periodo invernale rimane aperto sino alle ore 18,30.
Attualmente è chiuso per restauro.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • Epoca: XII secolo
  • Ubicazione: Contrada Maniaca
  • Proprietà: Comune di Bronte
  • Condizioni: Buone
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Translate »
error: Contenuto Riservato.