Festa di Sant’Antonio da Padova – Poggioreale

La Festa di Sant’Antonio a Poggioreale, celebrata il 12 e 13 giugno, è un evento che tocca profondamente il cuore e l’anima della comunità locale. Questa celebrazione, che si svolge nella provincia di Trapani, oltre ad essere una festa patronale, rappresenta un momento di profondo legame culturale e spirituale che attrae i residenti ed anche numerosi visitatori e emigrati poggiorealesi, molti dei quali risiedono all’estero e ritornano nel loro paese natale proprio per quest’occasione.

La Festa Patronale di Poggioreale

I festeggiamenti iniziano con eventi che mescolano il sacro al profano, organizzati dall’Associazione Sant’Antonio da Padova e dalla parrocchia Maria Santissima Immacolata, con il patrocinio del Comune di Poggioreale. La festa inizia il 12 giugno, segnando l’avvio di due giorni intensi di celebrazioni che includono attività ricreative, religiose e culturali, testimoniando il successo e l’importanza dell’evento nella vita della comunità.
Uno dei momenti più significativi della festa patronale di Poggioreale è la processione del 13 giugno, che parte dal sagrato della Chiesa Madre. Questo evento trasforma le strade di Poggioreale in un vero e proprio teatro all’aperto. Il corteo si snoda lentamente attraverso le vie del paese, con il simulacro di Sant’Antonio portato in processione e circondato da una folla di fedeli. La serietà e la compostezza dei partecipanti aggiungono un tocco di solennità che rende l’atmosfera ancora più suggestiva, continuando fino a notte fonda. Durante la processione, viene solennemente trasportata una scultura lignea di cipresso, rappresentante “Sant’Antonio da Padova con il Bambino Gesù”, capolavoro realizzato nel 1890 dallo scultore palermitano Vincenzo Genovese. Quest’opera d’arte è stata recentemente sottoposta a un accurato restauro.
La devozione per Sant’Antonio da Padova è palpabile, e il suo impatto si estende oltre la sfera spirituale, influenzando anche l’identità culturale del paese. Poggioreale, infatti, ha una storia ricca e complessa, che risale al suo fondatore, Morso Naselli, nel 1642. Nonostante il vecchio centro urbano sia stato distrutto dal terribile terremoto del 1968 e successivamente ricostruito più a valle, il tracciato delle sue strade e gli edifici sopravvissuti continuano a raccontare la sua storia. Nel 1984, l’architetto Francesco Purini, insieme a Laura Thermes, ha progettato la nuova cappella dedicata a Sant’Antonio, caratterizzata da una pianta centrale e una corte antistante, che è stata realizzata tre anni dopo. L’aggiunta di un ampio sagrato nel 1987, sempre su progetto di Purini e Thermes, con pilastri liberi e un campanile, ha ulteriormente arricchito il patrimonio architettonico del luogo. Durante l’epoca in cui Don Vincenzo Agosta era arciprete di Poggioreale, nella prima metà dell’Ottocento, un grave terremoto provocò l’apertura di una profonda crepa nella parte nord-ovest del paese, minacciando di scatenare una valanga di terra che avrebbe potuto distruggere molte abitazioni. Spaventati, gli abitanti corsero sul posto e scoprirono che lanciando un grosso masso nella fessura, questo rotolava giù facendo un rumore simile a quello di un torrente che scorre in profondità. In preghiera, la comunità portò in processione la statuetta di Sant’Antonio, posandola sulla frana. Miracolosamente, la terra smise di muoversi e la valanga non avanzò più, lasciando solo un grande burrone vicino alle prime case. Da quel giorno, quella zona è conosciuta come Sant’Antoninello, in omaggio al santo che si ritiene abbia protetto il paese.
La festa di Sant’Antonio a Poggioreale rappresenta un momento di ritrovo e di riflessione per l’intera comunità, inclusi gli emigrati, in particolare quelli in Australia, che vedono in questa celebrazione un forte richiamo alle loro radici. L’evento non solo rafforza il legame con il passato e la tradizione, ma offre anche un’occasione per celebrare la resilienza e la vitalità della comunità di Poggioreale.
Oltre agli aspetti religiosi, a Poggioreale la festa di Sant’Antonio è anche un’opportunità per celebrare la cultura locale attraverso spettacoli, eventi ed altre forme di espressione artistica che animano le strade del paese per due giorni. È un evento che ricorda a tutti i partecipanti il valore dell’unità e della condivisione, elementi che continuano a fare di questa festa un appuntamento imperdibile nel calendario di Poggioreale, rendendola la festa più sentita e partecipata dell’anno.

© Riproduzione riservata



Programma 2024 Festa di Sant’Antonio da Padova di Poggioreale

Translate »
error: Contenuto Riservato.