Torre Sveva – Noto

La Torre Sveva rappresenta l’edificio più affascinante e caratteristico della costa orientale della Sicilia compresa tra Noto e Pachino. Le origini di questa costruzione a pianta quasi rettangolare sono incerte. Lo storico Tommaso Fazello ne attribuisce la fondazione a Pietro d’Aragona, Conte di Alburquerque e duca di Noto, nella seconda metà del Quattrocento. Dopo circa un secolo la torre sveva, che sorge di fronte alla piccola isola di Vendicari, venne rimaneggiata ad opera del viceré Juan de Vega. La torre all’epoca veniva utilizzata come punto di vedetta contro le scorribande dei pirati saraceni, per custodire e difendere i caricatori, ovvero i magazzini dove venivano stoccate le derrate alimentari destinate al commercio, situati nello scalo portuale di Vendicari.

La Torre Sveva di Noto

Il luogo in cui sorge la Torre di Vendicari, e tutto il territorio circostante, in epoca medievale è ricordato infatti con il toponimo di Maccari, piccolo centro portuale utilizzato al tempo dei Fenici e dei Greci, come zona di scambi commerciali. Nonostante il terremoto del 1693 che la danneggiò gravemente, la torre Sveva continuerà a svolgere regolare attività militare fino al 1867, anno in cui il Regno d’Italia l’annoverò fra gli edifici militari da dismettere per cessata funzionalità.

Torre di Vendicari: architettura

 Dal punto di vista architettonico, la Torre Sveva di Vendicari si presenta priva di parte dell’ultimo piano. Vi si accede da un ingresso posto sul prospetto nord-est dove è presente anche una piccola finestra rettangolare, originaria della struttura, con due mensole ed una porta con arco a sesto ribassato dove si possono notare le aperture per i bolzoni del ponte levatoio, esistente sino all’Ottocento, che conduceva direttamente al piano superiore. Due finestre quadrangolari e quattro saettiere per fucili arricchiscono il prospetto settentrionale. Nei cantonali di sud-est e sud-ovest risaltano due mensoloni che sorreggono altrettanti ballatoi dove un tempo venivano posizionate vedette e garitte.
Al piano terra vi sono un vestibolo ed un arco ad ogiva, oltrepassato il quale si accede ad un grande ambiente dove è presente un’escavazione quadrata, con funzione di vasca. Una seconda piccola apertura  conduce ad una scala che porta al piano sovrastante dove vi è una terrazza dalla quale si gode la vista sulla vicina Tonnara, la costa e l’isolotto di Vendicari.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • EpocaXV secolo
  • Ubicazione: Riserva Naturale Orientata Oasi Faunistica di Vendicari
  • Proprietà: Provincia di Siracusa
  • Condizioni: Ottime
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Translate »
error: Contenuto Riservato.