Scillato

Comune di Scillato, Palermo

Scillato, il borgo madonita del Museo dell’acqua e dei mulini

Un tempo, quando in Sicilia regnavano i Normanni, ai piedi del monte Fanusi il paesaggio per certi versi assomigliava a quello olandese, per via di una suggestiva sequenza di mulini e di sorgenti, interrotta qua e là da rigogliosi alberi di aranci. Si, perché le origini del borgo di Scillato sono indissolubilmente legate alle sue acque che sgorgano dai monti che lo circondano e rendono il suo territorio particolarmente fertile, tanto da essere definito “villa giardino”.
Scillato, che è uno dei paesi più piccoli paesi del comprensorio palermitano, sorge ai piedi di alcune delle più alte vette madonite ed i monti Fanusi, Castellaro, Cozzo di Castellazzo, Balata di Caltavuturo, Cozzo Vituro, monte dei Cervi, cozzo Morto e piano della Madonna, costituiscono il bacino imbrifero delle sue sorgenti, il più importante serbatoio idrico della Sicilia occidentale. Non è un caso che le prime notizie storiche di questo borgo, che risalgono al 1156, riguardano proprio un mulino, ceduto dalla contessa Adelasia, nipote di Re Ruggero e signora di queste terre, alla diocesi di Cefalù. In un altro documento normanno, risalente alla fine del XII secolo, sempre citando un mulino, si fa specifico riferimento alla località Xillatum. Queste terre, tuttavia, risultano abitati da tempi molto più remoti. Alcuni storici locali ipotizzano che il primo nucleo di Scillato sia stato fondato da una colonia di ateniesi giunti sull’isola all’indomani della distruzione di Troia, denominato “Scillezia” o “Scilluzia”, dal nome della dea Minerva ai tempi della dominazione greca-romana.

Cosa vedere a Scillato

Scillato ha avuto fino a tredici mulini con la ruota dentata orizzontale e nella maggior parte di essi il grano veniva macinato schiacciandolo tra due pietre circolari piatte. Costruiti nel basso Medioevo al fine di sfruttare l’energia dell’acqua per macinare il grano, dei mulini di Scillato oggi ne sopravvivono alcuni. Il mulino Paraturi, in Via Cesare Terranova, è l’unico dove si lavorava la zabbara, l’agave per il cordame, e oggi ospita il Museo dell’Acqua che attraverso i suoi pannelli esplicativi ed i plastici interattivi racconta l’acqua e il suo ciclo, e da qui parte pure il percorso “la Via dei Mulini” di questo piccolo borgo nel Parco delle Madonie di poco più di seicento anime. Con ogni probabilità è in questo periodo che si sviluppò l’attuale centro abitato ed attorno ai mulini sorsero le prime case. Passeggiando per le sue vie si possono ammirare le statue in bronzo dell’artista petralese Vincenzo Gennaro, come l’Antico ceppo dell’ulivo della fontana di Piazza Aldo Moro. Alla fine del Settecento risale il palazzo appartenuto alla famiglia Cirino, mentre il Santuario Maria SS. della Catena, in piazza Giovanni XXIII, è stato realizzato intorno al 1500, quando questo territorio apparteneva ai Reali di Spagna. E’ la chiesa del paese e al suo interno si trova custodita la statua della Madonna della Catena attribuita alla scuola del Gagini.

_________________________________

Cosa vedere vicino Scillato

Il paese sorge in una bellissima posizione ai piedi di alcune delle più alte vette madonite ed è una delle porte del Parco delle Madonie. Appena fuori dal centro abitato si trova il mulino Asiniddaru, che ancora oggi conserva alcuni degli elementi che ne componevano il meccanismo di funzionamento, come la mola, il frascino ed il paranco. In contrada Fondaco, nei pressi del mulino Famunia suttano, si potrà visitare il parco didattico a tema archeologico, che consente di fare un salto nel passato più remoto. Fiore all’occhiello dell’archeodromo di Scillato è il suo villaggio primitivo, con la ricostruzione fedele di due capanne preistoriche e dove è possibile rivivere l’esperienza delle prime grandi scoperte, dall’accensione del fuoco alla lavorazione dell’osso, dal tiro dell’arco alla realizzazione di oggetti in argilla, dalla lavorazione delle fibre alla macinazione dei cereali ed altro ancora, compreso il laboratorio delle campagne di scavi archeologici simulati. E a proposito di scavi, le campagne archeologiche di Vallone Inferno hanno portato alla luce tracce di presenza umana risalente all’età neolitica e sino all’epoca medievale. Al Seicento si fa risalire la realizzazione della masseria in contrada Firrione che rappresenta uno degli insediamenti rurali tra i più monumentali della zona.

_________________________________

Feste e Sagre Scillato

Marzo – Festa di San Giuseppe
Il 19 marzo a Scillato si celebra la festa di San Giuseppe portando in processione il suo simulacro. La festa è anche l’occasione per gustare le pietanze e i dolci della tradizione.

Settimana Santa
Le celebrazioni della Settimana Santa di Scillato si aprono la domenica delle palme in Piazza Aldo Moro con il rito della benedizione delle palme a cui segue la Santa Messa in chiesa. Nei giorni seguenti per le vie del paese si svolgono la Via Crucis e, la sera del Venerdi Santo, la suggestiva processione del Cristo morto e dell’Addolorata.

Aprile – Sagra delle arance
La sagra dell’arancia di Scillato è in programma in Primavera con la vetrina dei tanti prodotti tipici locali, dei piatti e dei dolci preparati con questo prelibato agrume, le visite guidate alle sue sorgenti e l’esibizione in piazza dei gruppi folkloristici.

Agosto – Festa di Maria SS. della Catena, patrona
La festa patronale di Scillato in onore di Maria S. della Catena si svolge il 20 agosto giorno in cui in mattinata, dopo la consegna delle chiavi del paese alla Patrona da parte del sindaco, viene celebrata la Messa Solenne e nel tardo pomeriggio si porta in processione il simulacro di Maria SS. della Catena.

_________________________________

Prodotti Tipici Scillato

Nel territorio di Scillato nascono due prodotti d’eccellenza, l’albicocca di Scillato, una varietà precoce dal frutto piccolo, e l’arancia biondo a cui viene pure dedicata una sagra. Da gustare la provola delle Madonie ed i dolci della tradizione locale, come i sfinci d’ova e la pignulata cu meli.

_________________________________

Come arrivare a Scillato

Da Palermo: Autostrada A19 Palermo – Catania, uscita Scillato.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Palermo
  • Altitudine: 218 m. s.l.m.
  • Popolazione: 612
  • Prefisso: 0921
  • CAP: 90020
  • Abitanti: Scillatesi
  • Santo Patrono: Maria SS. della Catena
  • Festa: 20 Agosto
  • Sito ufficiale: Comune di Scillato – www.scillato.gov.it
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Scopri gli eventi della località
Ti potrebbero piacere questi eventi.
15 Dicembre 2019
I Sapori della Val d’Himera di Scillato è la kermesse gastronomica che celebra i sapori e le eccellenze del territorio tra degustazioni e visite guidate. I Sapori della Valle d’Himera di Scillato A Scillato una domenica dedicata ai profumi e...
5 Maggio 2019
Il paese di Scillato ogni anno ad aprile celebra l’arancia, prodotto tipico del suo territorio ricco di mulini e di sorgenti che sgorgano dai monti che lo circondano e lo rendono particolarmente fertile. Le campagne attorno al paese infatti sono...
Translate »
error: Contenuto Riservato.