Capri Leone

Comune di Capri Leone, Messina

Il borgo siciliano che venera un Imperatore come Santo Patrono e Protettore

Capri Leone è un piccolo comune sui che sorge nel verde dei monti Nebrodi, di fronte al mar Tirreno e con le isole Eolie sullo sfondo. Documenti di epoca normanna testimoniano le sue origini remote. A quel tempo il casale apparteneva a Vitale De Aloysio di nobilissima famiglia di stirpe francese, che lo mantenne sino al 1342 e con il quale Crapisusu visse un periodo di splendore. Un’altra famiglia che ebbe un ruolo importante nella storia del piccolo borgo fu quella dei Filangeri, signori di Capri dal 1398 che ne ressero le sorti per diversi secoli, alternandosi per brevi periodi con altre casate di feudatari.
Capri Leone è un borgo dalla storia antica che più volte ha modificato il toponimo. In principio fu Duae Crapiae, poi Crapisusu, Castel di Capri, Capri e, a partire dal 13 novembre del 1862, Capri Leone. In quell’anno i suoi abitanti si distinsero nei disordini scoppiati nella vicina Mirto, durante le guerre per l’unificazione d’Italia e, per lodarne il coraggio, a “Capri” fu infatti associato il termine “Leone”.

Cosa vedere a Capri Leone

Secondo alcuni storici l’aggiunta del nome “Leone” si riferisce invece alla quattrocentesca fontana che sorge in una piazzetta al centro del paese, raffigurante due leoni, di cui la leonessa è realizzata in marmo rosa di San Marco. La chiesa più antica del paese è intitolata a Maria Santissima Annunziata con un bel campanile risalente al XV secolo. L’edificio religioso, comunemente conosciuto come chiesa del convento, custodisce una pregevole statua in marmo della Vergine attribuita ad Antonello Gagini, uno degli artisti di maggiore levatura del Cinquecento in Sicilia. Nella parte alta del paese sorge la piccola Chiesa di Sant’Antonio Abate, alla quale si accede da un elegante portale in marmo di San Marco. Al suo interno si trova custodita la statua lignea del Santo titolare, risalente al Seicento.
Da visitare a Capri Leone la Chiesa di San Costantino che conserva un olio su tela di epoca seicentesca raffigurante il Santo imperatore, patrono e protettore del paese, che riceve il battesimo da Papa Silvestro, ed attribuita al pittore Giuseppe Tomasi da Tortorici. Il simulacro del Patrono è una pregevole opera d’arte risalente tra la fine del XVI e la prima metà del XVII secolo. Il culto nei confronti dell’Imperatore Costantino come patrono costituisce un unicum in tutta l’isola.

_________________________________

Cosa vedere vicino Capri Leone

Appena fuori dal paese, in contrada Pagaria, si trova una fontana con lavatoio a cui fa da sfondo il graffito raffigurante il busto della dea Atena, realizzato dall’artista peruviano Carlos Atoche. A valle del centro abitato si potrà fare visita alla frazione Rocca di Capri Leone con le case che sorgono tra il mare e le colline. Nella piazza Gepy Faranda sorgono la Chiesa intitolata alla Madonna polacca di Czestochowa e la Chiesa Maria SS. del Rosario. Nei pressi si trova anche il Palazzo Cupane, residenza storica dell’omonima famiglia. In questo territorio un tempo era collocata un’antica stazione di posta, utilizzata come torre d’avvistamento per poi essere adattata a colombaia e in un rifugio antiaereo e, in epoca moderna, trasformata in santuario mariano, dove oggi svetta la monumentale statua raffigurante la Madonna del Tindari. Il parco intitolato alla memoria dell’ex sindaco Peppino Grasso consente ai cittadini di fruire di ampi spazi immersi nel verde.

_________________________________

Feste e Sagre Capri Leone

Carnevale
Nei giorni di Carnevale a Capri Leone si organizzano feste in maschera per i più piccoli, musica in piazza, la premiazione del miglior gruppo mascherato e la salsicciata.

Maggio – Festa della Vergine Bruna del Tindari

Luglio – La Vetrina dei Nebrodi
La manifestazione si svolge tra musica, cultura, tradizioni, gastronomia e spettacoli, coinvolgendo anche i comuni vicini.

Luglio – Festa di San Costantino, patrono
La festa patronale di Capri Leone si svolge il 27 luglio, giorno in cui per le vie del centro si snoda una suggestiva processione con il simulacro di San Costantino

Luglio – Festa di Maria SS. Annunziata
L’ultima domenica di luglio solenni festeggiamenti vengono attribuiti a Maria SS. Annunziata. Al termine della celebrazione della Messa il simulacro dell’Annunziata viene posto sopra un artistico fercolo per essere portato in processione.

Natale
Il Natale a Capri Leone trascorre tra serate danzanti, sfilate di zampognari, i presepi di quartiere, il concerto nella chiesa di San Costantino, ‘u zuccu di Natale e il Borgo in festa.

_________________________________

Prodotti Tipici Capri Leone

Da gustare a Capri Leone i tipici formaggi e i salumi dei Nebrodi e gli innumerevoli prodotti della pasticceria locale.

_________________________________

Come arrivare a Capri Leone

Da Palermo: Autostrada A19 PA-CT e A20 PA-ME, uscita Capri Leone.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Messina
  • Altitudine: 400 m. s.l.m.
  • Popolazione: 4.563
  • Prefisso: 0941
  • CAP: 98070
  • Abitanti: Caprileonesi o Capritani
  • Santo Patrono: San Costantino
  • Festa: Ultimo Sabato di Luglio
  • Sito ufficiale: Comune di Capri Leone -www.comune.caprileone.me.it
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Translate »
error: Contenuto Riservato.