Grotte

Comune di Grotte, Agrigento

Il paese dell’agrigentino dove a Pasqua va in scena uno spettacolo di grande suggestione

Il piccolo centro agricolo di Grotte sorge in un verde paesaggio collinare, circondato da vigneti e mandorleti, in una terra che custodisce memorie antiche. Le sue origini sono incerte. Secondo Polibio, pare che esista una relazione con Herbessus, la città sicula nell’antichità abitata dai Greci, il cui nome deriverebbe da “érebos”, cioè “oscurità sotterranea”, che indica la presenza nel territorio di numerose caverne. Dell’antico villaggio di Erbesso, andato distrutto nella prima guerra punica e di cui parla lo storico greco, si servirono i romani durante l’assedio dell’antica Akràgas (262 a.C) come luogo di deposito di viveri e di materiale bellico. A quell’epoca nel territorio si estraeva già lo zolfo. L’economia del paese è stata fortemente legata alle miniere di zolfo. Nell’Ottocento Grotte fu un importante centro minerario e tra il 1830 e il 1840 contava ben tredici miniere che impiegavano una notevole quantità di manodopera.
Grotte sotto gli Aragonesi fu terra feudale. Alterne vicende assegnarono questo territorio a diverse famiglie nobiliari, tra cui i Ventimiglia, i Montaperto e i la Grua Talamanca dei principi di Carini.

Dormire a Grotte
Bed and Breakfast Grotte
Booking.com

Cosa vedere a Grotte

Il centro abitato si caratterizza per le chiese e i suoi importanti edifici civili, come il Palazzo comunale che ha trovato sede nell’ex convento dei frati carmelitani realizzato alla fine del Cinquecento in Piazza Umberto. Di fianco si innalza la Chiesa della Madonna del Carmelo che tra le sue opere d’arte conserva un grande crocifisso ligneo molto antico. Il monumento principale è la Chiesa di Santa Venera Patrona del paese, la cui realizzazione fu iniziata dal barone Gaspare Montaperto e completata da immigrati nel Seicento. Presenta l’interno abbellito da cappelle, statue e tele, tra cui un dipinto di fra’ Felice da Sambuca del 1785 che raffigura la santa protettrice. Nella chiesa si trovano custoditi l’urna con il simulacro del Cristo morto, che nei giorni della settimana santa viene portata in processione, e le spoglie mortali di Padre Michele Arcangelo Vinti, morto in odore di santità e da Papa Francesco dichiarato Venerabile. La sua casa natale sita nel centro storico, è meta di pellegrini e di visitatori.
Poco distante la Chiesa Madre di Grotte, si trova la piazza dedicata al pittore Lorenzo Collura con l’artistica fontana ed un grande abbeveratoio in pietra. Lungo corso Garibaldi, la Chiesa del Purgatorio si caratterizza per la sua pianta ellittica. L’edificio di culto risale alla seconda metà del Seicento e in origine fu dedicato a San Vincenzo Ferreri, di cui conserva il simulacro, e comprende una grande cripta dove un tempo si mummificavano i defunti. In cima ad un’altura si trova la Chiesa di San Rocco, che fu costruita come chiesetta di campagna nel lontano 1575 e conserva statue di santi e dipinti. La strada principale del paese conduce al calvario, al quale si accede da una scalinata fiancheggiata da cipressi secolari, un luogo parecchio suggestivo che si anima durante le celebrazioni pasquali. Da vedere a Grotte è la Torre del Palo o del Parrino, del XV secolo, a pianta ottagonale e in stile goticheggiante, nella parte alta dell’abitato, che è sede della proloco, al cui interno vengono ospitate diverse mostre. Nel centro del paese si possono ammirare opere di street art disseminate nelle stradine come in un piccolo museo a cielo aperto.

_________________________________

Cosa vedere vicino Grotte

Nel paesaggio, tra i paesi di Grotte e Comitini, si erge maestosa la Petra di Calathansuderj, una grande roccia con grotte e gallerie scavate e comunicanti, che fu sede di un insediamento preistorico, testimoniato dalla presenza di tombe a forno e dai ritrovamenti archeologici. Nel bosco di Firrio, a pochi chilometri da Grotte, si trova un’area attrezzata con panche, barbecue, tavoli per piacevoli passeggiate in mezzo alla natura e pic-nic all’aperto.

_________________________________

Feste e Sagre Grotte

Pasqua
Nei giorni di Pasqua a Grotte rivivono riti antichissimi e va in scena uno spettacolo di grande suggestione che ha come protagonisti decine e decine di personaggi in costume d’epoca che mettono in scena i momenti più significativi della morte di Cristo, mentre i lamenti fanno da cornice alla sua passione e crocifissione. La domenica di Pasqua in piazza, avviene l’incontro tra Gesù risorto e la Madonna tra il suono delle campane e lo sparo di mortaretti.

Luglio – Premio “Nino Martoglio”
Il premio letterario “Nino Martoglio” di Grotte è la kermesse ideata e diretta da Aristotele Cuffaro per diffondere la cultura e promuovere la letteratura che tutti gli anni premia scrittori, poeti, artisti e personalità che si sono distinte in vari ambiti.

Settembre – Festa della Madonna delle Grazie
La terza domenica di settembre a Grotte si celebra la Madonna delle Grazie nella chiesetta a Lei intitolata, alla periferia del paese. Al termine della celebrazione eucaristica, il simulacro viene portato in processione per le vie del centro e accompagnato nella Chiesa della Madonna del Carmelo. La festa si conclude con lo spettacolo musicale.

Novembre – Festa di Santa Venera, patrona
Il 14 novembre a Grotte è festa patronale e la comunità intera partecipa alla processione che al termine della messa solenne accompagna il simulacro di Santa Venera per le vie del centro.

_________________________________

Prodotti Tipici Grotte

Oggi il territorio di Grotte si distingue per la produzione di olive, mandorle, uva e cereali. Qui si produce anche il Nero d’Avola. Da gustare le tipicità della gastronomia locale, tra cui le impignolate ripiene di tritato di carne di maiale e olive nere, e le specialità della pasticceria.

_________________________________

Come arrivare a Grotte

Da Palermo: SS. 121 e SS. 189 Palermo-Agrigento sino al bivio di Aragona e seguire le indicazioni per Grotte.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Agrigento
  • Altitudine: 516 m. s.l.m.
  • Popolazione: 5.827
  • Prefisso: 0922
  • CAP: 92020
  • Abitanti: Grottesi
  • Santo Patrono: Santa Venera
  • Festa: 14 Novembre
  • Sito ufficiale: Comune di Grotte – www.comunedigrotte.gov.it
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Scopri gli eventi della località
Ti potrebbero piacere questi eventi.
1 Aprile 2021
Le celebrazioni dei giorni di Pasqua a Grotte si svolgono secondo un antico rituale ed hanno come protagonisti personaggi in costume d’epoca che mettono in scena i momenti più significativi della passione e morte di Gesù Cristo, prendendo spunto dalla...
14 Novembre 2021
La Festa di Santa Venera di Grotte del 14 Novembre con la processione del simulacro che nel pomeriggio attraversa le vie del paese, tra i fedeli che in onore della loro Patrona intonano i versi del tradizionale rosario cantato. La...
Translate »
error: Contenuto Riservato.