I Misi i ll’Annu – Rodì Milici

A Rodì Milici i protagonisti del Carnevale sono i dodici mesi dell’anno. “I misi ll’annu” di Rodi Milici è una recita con tanto di personaggi in costume che personificano i dodici mesi dell’anno, in chiave satirica e in dialetto agro-pastorale. La manifestazione, unica nel suo genere che fa parte dei carnevali storici siciliani, ed è stata iscritta nel Libro delle Celebrazioni del R.E.I. (Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia) con il titolo “I Misi i ll’Annu di Rodì Milici”, risale alla fine dell’Ottocento. E’ stata tratta infatti dal testo che il poeta rodiese Giuseppe Trifilò, noto ai più come Peppi ‘u pueta, scrisse nel 1880 durante un viaggio in nave che dall’America lo riportava in patria. La rappresentazione andò per la prima volta in scena nel 1905, con lo stesso Trifilò nella parte del Viandante.

Il Carnevale di Rodì Milici

Con questa rappresentazione carnascialesca, che da oltre un secolo si svolge a Rodì Milici la domenica di Carnevale e il martedì grasso, si vuole mettere in evidenza l’energia e l’intelligenza umana indispensabile per svolgere i lavori agro-pastorali nei vari mesi dell’anno. I quindici personaggi danno infatti vita ai dodici mesi dell’anno, oltre al Re, al Poeta e il Viandante. La rappresentazione va in scena in piazza, dove giunge il corteo dei dodici mesi dell’anno, con addosso costumi particolari e variopinti, assieme al re e al poeta. E se un tempo i personaggi arrivavano in groppa a degli asini, oggi invece si presentano a dorso di cavalli bardati a festa con drappeggi e nastri colorati e vari addobbi che indicano il mese di appartenenza. Il Viandante recita invece la sua parte stando in piedi. Arrivati in piazza i dodici mesi si rivolgono al Re con fare minaccioso, poiché aspirano alla sua corona, arrivando a spiegare pure i motivi per i quali ognuno di loro merita il titolo di re. A riportare la pace tra i vari contendenti ci penserà il Poeta che, al termine di un lungo discorso, invita tutti ad un ballo rappacificatore. La parte finale del copione è invece affidata al Viandante, l’io narrante della rappresentazione, che si congratula con il Re che è riuscito a salvare la corona.

© Riproduzione riservata



Event Details
  • Start Date
    15 Febbraio 2015 00:00
  • End Date
    15 Febbraio 2015 21:00
Prenota la Tua vacanza in Sicilia
Booking.com
Translate »
error: Contenuto Riservato.