Troina

Comune di Troina, Enna

Troina, un affascinante borgo antico che svetta sulle cime dei Nebrodi

Un borgo antico, costruito in alto, sulle estreme pendici meridionali dei Monti Nebrodi, abitato da Siculi e Sicani, che spicca da lontano da qualsiasi parte si venga. Questa è Troina, meravigliosa cittadina in provincia di Enna, importante presidio militare sotto Greci, Romani, Bizantini e Arabi. Secondo alcuni in questo luogo sorgeva l’antica Engyon, sede di un tempio dedicato alle Dee Madri, secondo altri la città greca di Imakera, che coniava moneta. Il borgo visse il massimo splendore con l’arrivo dei Normanni in Sicilia, quando fu scelta dal Conte Ruggero d’Altavilla come roccaforte per la conquista dell’isola. E al Conte si devono la realizzazione di due monasteri basiliani, uno dei quali dedicato a San Michele Arcangelo, i cui ruderi si trovano in sommità di un colle, e della chiesa dedicata a Maria SS. Assunta, elevata a rango di Cattedrale, ma che nei secoli ha subìto profondi cambiamenti e conserva quindi ben poco della costruzione originale.

Offerte Hotel Troina
Prenota Bed and Breakfast a Troina
Booking.com

Cosa vedere a Troina: chiese e monumenti

E’ un’atmosfera da casbah araba quella che si respira tra le viuzze tortuose, le scalette e i sottopassaggi ad arco del centro storico, denominato “piazza”, dal quale si gode di un panorama mozzafiato che spazia dall’Etna al Mar Ionio, dai boschi dei Nebrodi alle Madonie. Nel comune di Troina tra maggio e giugno si svolge una suggestiva manifestazione religiosa in onore di San Silvestro, monaco basiliano il cui corpo fu rinvenuto nella seconda metà del XIII secolo, in circostanze miracolose, all’interno di una grotta dove ora sorge l’omonima chiesa. All’interno dell’edificio religioso è custodita la tomba del Santo, un sepolcro statuario attribuito alla scuola del Gagini. Tra le altre chiese da visitare vi sono quella denominata del “Carmine” e dedicata alla SS. Annunziata, dall’elegante campanile cuspidato e rivestito di maioliche variopinte e, a fianco della torre campanaria della Cattedrale, la Chiesa di San Giorgio, con la volta decorata con soggetti biblici e il pavimento in marmi policromi.

_________________________________

Cosa vedere a Troina

Il territorio attorno è stato abitato sin dai tempi remoti. In contrada Femminamorta sono state rinvenute tracce di età preistorica e resti di un abitato di età greca e romana. Alla stessa epoca risalgono i ritrovamenti effettuati sulla Rocca S. Panteon. Un centro ellenistico ed una necropoli si trovano invece sul Monte Muganà. Il paesaggio attorno offre interessanti spunti per escursioni naturalistiche nei boschi vicini o presso il lago Ancipa, conosciuto anche come lago Sartori, che si trova a confine con il territorio di Cesarò, nel Parco dei Nebrodi. E’ interessante sul piano naturalistico poiché ospita numerosi uccelli acquatici.

_________________________________

Feste e Sagre Troina

Maggio/Giugno – Festino di San Silvestro, patrono
Ad inizio Novecento i colori della festa colpirono anche lo scrittore verista Federico De Roberto, affascinato dai pellegrinaggi votivi al bosco dei rami e della ‘ddarata (sfilata dei cavalli bardati con l’alloro) e dal corteo storico dei cavalieri in costume cinquecentesco (kubbaita), che rievoca l’ingresso di Carlo V in città nel 1535. San Silvestro a Troina viene festeggiato anche il 2 gennaio.

Giugno – Sagra della vastedda cu sammucu
Nel mese di giugno si tiene la tradizionale sagra della vastedda cu sammucu, conosciuta anche come vastedda ‘nfigghiulata, una tipica focaccia locale preparata con i fiori bianchi e profumati del sambuco, di produzione esclusiva delle massaie del posto.

Agosto – Festa di Maria SS. Assunta
I festeggiamenti in onore della patrona prendono inizio i primi del mese di agosto con l’esibizione di gruppi folkloristici, spettacoli, il corteo storico e la celebrazione del Triduo solenne e culminano con la processione del simulacro per le vie del centro che si svolge nel tardo pomeriggio del 15 agosto.

_________________________________

Prodotti Tipici Troina

Oltre alla vastedda cu sammucu o ‘nfigghiulata a Troina è d’obbligo gustare gli ’nfasciatieddi, (dolci a base di vino cotto di ficodindia), i cannoli al forno, gli sfinci passati nel miele, i formaggi locali (tuma, pecorino, provola, canestrato) la ricotta, gli insaccati e il buonissimo liquore fatto in casa (rosolio).

_________________________________

Come arrivare a Troina

Da Palermo: Autostrada A19 PA-CT e autostrada A20 PA-ME, uscita Santo Stefano di Camastra. Prendere SS 113 in direzione di Messina sino al bivio con le indicazioni per Capizzi. Proseguire sulla SP 168 per Caronia, Capizzi e sino alla SS 120 per Cerami e Troina.
Da Catania: Autostrada A19 PA-CT, uscita Agira. Proseguire sulla SP 21 e sulla SP 22 per Gagliano Castelferrato e poi sulla SP 34 per Troina.

© Riproduzione riservata



Informazioni aggiuntive

  • Provincia: Enna
  • Altitudine: 1.121 m. s.l.m.
  • Popolazione: 9.535
  • Prefisso: 0935
  • CAP: 94018
  • Abitanti: Troinesi
  • Santo Patrono: San Silvestro Monaco
  • Festa: Maggio/Giugno
  • Sito ufficiale: Comune di Troina – www.comune.troina.en.it
Prenota la Tua Vacanza
Booking.com
Scopri gli eventi della località
Ti potrebbero piacere questi eventi.
16 Gennaio 2020
La festa di Sant’Antonio Abate di Troina il 17 gennaio di ogni anno anima i quartieri del centro abitato con l’accensione dei tradizionali Pagghiara e la distribuzone dei biscotti di lievito da parte della Confraternita. Benedizione con la Reliquia. Festa...
15 Giugno 2019
La Sagra della Vastedda cu sammucu di Troina si svolgerà nel week end del 15 e 16 giugno. E’ dal lontano 1987 che nella cittadina ennese si celebra questo buonissimo prodotto della gastronomia, oggi presidio Slow Food, la cui principale...
21 Maggio 2020
A Troina nel mese di maggio si svolge una suggestiva manifestazione religiosa, detta il “Festino“, in onore di San Silvestro, monaco basiliano, Civis et Patronus della città, il cui corpo fu rinvenuto nella seconda metà del XIII secolo, in circostanze...
Translate »
error: Contenuto Riservato.